Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

lucidatura
Pallinatura
Lucidatura

LUCIDATURA

Se per lungo tempo quando parlando di lucidatura ci si riferiva esclusivamente a materiali pregiati quali marmi e graniti o alla realizzazione del terrazzo alla veneziana, oggi si assiste ad un crescente interesse dei confronti della lucidatura di materiali considerati “poveri” come il calcestruzzo o nati e diffusi prevalentemente nell’ambito dell’edilizia industriale quali le resine o altri materiali a base cementizia.
Questo soluzioni innovative, che catturano l’attenzione dei progettisti, degli studi di architettura ma anche degli utenti finali, stanno conquistando il mercato grazie alle loro caratteristiche tecniche e prestazionali ma anche al loro grande effetto estetico.

La ricerca di nuovi materiali e di nuove idee per le pavimentazioni civili ma anche industriali ha trovato dunque un’offerta ricca di valide alternative e un’innovazione costante.
Tali sviluppi nel settore delle pavimentazioni e l’estensione del concetto della lucidatura  sono stati favoriti da alcuni importanti fattori ed ai progressi nella tecnologia, che possono ricondursi ad alcuni  fattori, in  particolare:

- Alla diffusione e all’innovazione a livello di attrezzature: le levigatrici planetarie, che si caratterizzano per un’elevata produttività e un’estrema versatilità.

- A al perfezionamento della tecnologia del diamante sintetico che ha consentito di arrivare a procedure di lucidatura completamente a secco, o di ridurre drasticamente i quantitativi di acqua usati, garantendo in tal modo minori disagi in fase di realizzazione e minori problemi di recupero dei materiali di risulta (boiacca/fanghi).

LA PROCEDURA:

La lucidatura è una procedura meccanica A SECCO e SENZA DISPERSIONE DI POLVERI nell’ambiente, in quanto le levigatrici vengono collegate ad idonei sistemi d’aspirazione.

Tale procedura implica una serie di passaggi che partono dall’impiego di utensili diamantati a legante metallico per le prime fasi di prima sgrossatura/levigatura.
Di norma si parte con utensili di granulometria 30/40 seguiti da utensili  di granulometria 60/80 pure a legante metallico come seconda fase della procedura.

Qualora si tratti di una VECCHIA PAVIMENTAZIONE su cui è presente un rivestimento (vernice o altra resina) sarà necessario procedere innanzitutto alla rimozione della copertura esistente con l’impiego di utensili a granulometria 18/20 o 30/40.

Il numero di passaggi per ciascuna fase varia in funzione delle condizioni di partenza della pavimentazione, dalle aspettative in termini di grado di lucidatura che si deve ottenere ( è possibile infatti ottenere vari gradi di lucidità della superficie) ed ultimo ma non in ordine di importanza dalla richiesta o meno di mettere in vista gli inerti più grossi.

Fra la fase di sgrossatura e la lucidatura vera e propria, esiste una fase intermedia di rasatura e nel caso del calcestruzzo di impregnazione con silicati che permettono di aumentarne in modo significativo la resistenza.

Seguono poi una serie di passaggi con diamanti a legante resinoide di granulometrie via via più fini: 100, 200, 400, 800, 1500 e per finire 3000.

IL RISULTATO: Sia da vecchie che da nuove pavimentazioni in calcestruzzo è  possibile ottenere un calcestruzzo LUCIDATO cioè una pavimentazione:

ECOLOGICA: il calcestruzzo è un materiale naturale ( cemento + acqua + sabbia + aggregato + additivi)  ed il processo di lucidatura è un processo meccanico che NON impiega materiali inquinanti come avveniva in passato attraverso la “piombatura” del marmo o del granito, realizzato a SECCO, quindi senza la produzione di boiacche difficili da smaltire, e senza dispersione di polveri nell’ambiente, quindi preservando la salute degli operatori e senza contaminazione dell’ambiente.

FACILE DA PULIRE E DA MANUTENDERE: il processo chiude completamente la porosità della pavimentazione, che quindi non produce polvere e può essere agevolmente pulita.

MONOLITICA E RESISTENTE: la pavimentazione lucidata non è affetta da problematiche di distacchi, e grazie all’impiego dei silicati impiegati nel processo,  si aumenta la resistenza della.

DI GRANDE VALORE ESTETICO: la brillantezza e la lucidità che caratterizzano la pavimentazione al termine della procedura valorizzano l’ambiente.

fotografia fotografia fotografia
chi siamo - prodotti - tecnologie - noleggio - applicazioni - download - servizi - news - stampa - link - contatti